Siamo condannati ad amarci. Oppure a farci solo danno tutto il tempo, l'un l'altro, come imbecilli.

lunedì 26 aprile 2010

E' qua il "partito" dell'Amore VERO

Prima le immagini.. e poi i PERCHE'...!








C'è una cosa che per ME è veramente importante dire: se oggi aprite i giornali leggerete che questo "è stato un 25 aprile di divisioni; di ODIO; Tizio e Caio contestati, talaltri pestati", eccetera.
Per inciso, sono liquidate in poche parole queste FOLLI notizie: raduni repubblichini di questi giorni, con i bambini vestiti da balilla e i simboli nazisti di Ordine Nuovo sui vestitini (!); centinaia di manifesti inneggianti al Duce comparsi a Roma in concomitanza all'anniversario della Liberazione; Marcia Fascista su Roma AUTORIZZATA DALLA QUESTURA, che avrà luogo fra pochi giorni...
Mentre sullo sfondo il "Premier" che fa? Approfitta della ricorrenza per fare un bel messaggio a rete unificate in cui cosa dice? ricorda la Resistenza? i valori della Costituzione? ma va'.. pesta l'acceleratore sulle "riforme" alla Costituzione. .. ci manca solo che nella festa della Repubblica il Presidente annunci che ora si torna alla Monarchia.
Ma non è mica coglioneria da gaffeur, questa; è banale genialità mediatica.
E la sinistra, che sul piano della comunicazione è banalmente analfabeta, GIU' A DARGLI CORDA.
TUTTI che concordamente, ormai, chiamano il PdL "partito dell'amore".. sarcasticamente, certo... ma intanto, dopo il più universalmente italiano grido da stadio, e dopo la "libertà", ora anche l' "amore" è andato.. via, scippato, sparito.. con il pieno assenso di tutti, e anzi con il massimo SOSTEGNO proprio dagli "avversari".. lì tutto il tempo a fare la claque.
E alla fine.. avallando l'idea che l' "amore" debba essere "di destra", come se fosse una cosa da idioti, se non da conniventi: perché SE hai gli occhi aperti, SE capisci cosa sta succedendo, SE resisti, devi essere "incazzato": confondendo, così, la sana indignazione, che nasce PROPRIO dalla pìetas e dall'amore, con l' "odio", che non c'entra un fico secco.
E così, nelle manifestazioni, c'è un tipo di "dissenso" che fa la claque al "Premier" al CUBO: è come una serie di comparsate, fatte pure gratis, perché regga meglio il teorema della "sinistra dell'invidia e dell'odio". Basta vedere l'ossigeno che ha ridato a B. il pestone in faccia ricevuto a dicembre, mentre la sua popolarità stava calando..
E intanto... Il mondo è quello che è: se apriamo i giornali, e continuiamo a ragionare così, le alternative non sono molte:
1. o salite sul carrozzone dell'arrafare più che si può, individualmente, finché tutto va a rotoli per sempre..
2. o vi gettate nei MILLE carrozzoni dell'odio, che sono sempre pieni e fiorenti
3. o fate entrambe le cose ai punti 1 e 2
4. o fate quanto al punto 1, FINGENDO di opporvi e invece facendo pastette (ogni riferimento NON è casuale)
5. o correte a comprarvi una dose, e non pensate più a niente.

Ma esiste un'altra possibilità: ACCETTARE DI VEDERE. SMETTERE DI STARE AL GIOCO. OPPORSI ALLA POLITICA DELL'ODIO, CHE FOMENTA SEMPRE SE STESSO. RESISTERE. TESTIMONIARE LA VERITA'.
MA RESISTENDO DAVVERO!!!

Le immagini della manifestazione sono di Nicholas Trossat. Niko.. grazie per le foto! ♥

sabato 24 aprile 2010

Domani venite!

Domani, 25 aprile 2010, se siete in zona venite alla manifestazione di Milano! .. la Nave dei Diritti sarà presente con uno striscione; sarà la sua primissima uscita pubblica.

L'appuntamento è intorno alle 14,30 davanti al Planetario.
Posto delirante, certo.. si ritrovano tutti lì.. ma cercate lo striscione!!

giovedì 22 aprile 2010

domenica 18 aprile 2010

Women for women

Donne per le donne, concretamente. Women for women è un'associazione di cui in Italia non si parla, ma che vale davvero la pena di conoscere.

sabato 17 aprile 2010

In questo momento preciso, con Emergency

!7 aprile, h. 14, 30
a Roma, Piazza San Giovanni, insieme ad Emergency


Chi non può esserci mandi un pensiero.
Il pensiero è potente. Credere al pensiero!

venerdì 16 aprile 2010

Provare per credere

Vedi... il potere dell'immaginazione?
Avevo immaginato di andare a Genova a chiedere un video di adesione a don Gallo... e il video mi si è materializzato tra le mani, si è praticamente palesato prima ancora che mi rendessi conto che lo stavo facendo.
Ahhhhh... misteri della fede.

giovedì 15 aprile 2010

Il potere dell'immaginazione. L'immaginazione al potere.

Problemi, problemi, problemi... Preoccupazioni, domande. Certo, a volte le cose, per vederle bene, bisogna guardarle un po' da lontano. Vista da "qui", per esempio, l'Italia può sembrare più rassicurante di quello che è; mentre guardarla da altri Paesi può mettere in luce sfumature più allarmanti.

"Il bambino nasce in testa", diceva una famosa pubblicità .. com'è vero! tutto nasce prima di tutto nei sogni.
Ecco che a un gruppo di ragazzi che vivono FUORI dall'Italia, e che da fuori la guardano con crescente preoccupazione.. viene un'idea geniale: ORGANIZZIAMO UN VIAGGIO... una nave dei diritti, che viaggi alla volta dell'Italia per dichiarare in primis il valore della nostra Costituzione e l'affetto per una cultura dei diritti che sembra stia dileguando...



Una nave che è un sogno: partecipazione, amicizia, condivisione, speranza, divertimento, musica, gioia.. come si fa a non partecipare?

Sta succedendo qualcosa che ancora non immaginate... perché l'immaginazione sta tornando al potere. E niente è più potente del potere dell'immaginazione.. specialmente quando chi immagina sono finalmente i RAGAZZI pelledipesca: non solo, per quanto generosi, gli intellettuali ormai stanchi.



domenica 11 aprile 2010

Combattere i vertici bigotti e retrivi significa sostenere le Chiese della solidarietà


Vedo - e condivido - i tanti commenti indignati sullo scandalo della pedofilia nella Chiesa, e sul comportamento inaccettabile dei suoi vertici.
Ma vi siete chiesti cosa fareste voi, se foste il Papa?
bè, io si (anatema! sacrilegio! una donnetta.. e con quel nome, per giunta! che si immagina di essere il Papa!), e una risposta me l'ero data; solo che ora (di già) sarebbe troppo tardi. Hai perso il treno, caro Ratzinger... l'occasione della tua vita.
Io, in effetti, SE fossi stata il Papa, alla prima avvisaglia del terremoto che stava per franare sulla cristianità mi sarei cosparso il capo di cenere e, cristianamente (e woytilamente), sarei caduto in ginocchio dicendo: "come Capo della Chiesa prendo su me anche le colpe non mie, e mi ritiro in un eremo finché campo, a chiedere perdono". Stop. Troppo? no, il minimo; e per la Chiesa salvataggio in zona Cesarini.
Giuro.. l'avrei fatto davvero! del resto, se sono il Papa, che c'è di male a pregare in gramaglie finché campo?

Ma inutile parlare ai Vescovi retrivi, meglio invece provare a parlare a tutti quelli che, sentendosi parte di forze progressiste, credono che sia un bene vedere la Chiesa agonizzare.
Ora, questa è la mia idea: per la prima volta nella storia la stragrande maggioranza dei religiosi non è più rappresentata da forzati, ma da persone mosse da vere vocazioni. Questo non impedisce, purtroppo, che fra loro esista sempre una parte di fanatici, nonché (come fra tutti i tipi di educatori) di pervertiti: ma anche l'ambiente più progressista alla base concorre a che finalmente gli scandali esplodano.
Anche secondo me la zucconeria oscurantista dei vescovi e di questo Papa è una catastrofe; ma penso che se la Chiesa andrà a fondo con loro NON sarà affatto un bene, ma piuttosto una sciagura per tutti.
I don Milani sono sempre esistiti.. ma oggi più che mai nella Chiesa operano tantissime persone di valore, ispirate da principi progressisti. Tanto per fare un po' di nomi a casaccio... Oscar Romero e Don Puglisi non erano forse preti?
E don Ciotti, don Gallo, don Giorgio de Capitani, non sono forse preti? e nn sono organizzazioni della Chiesa anche Pax Christi e i Padri Comboniani? e la Teologia della Liberazione non è nata forse in seno alla Chiesa?
E' ben vero che (naturalmente) i vertici della Chiesa, tra cui Woytila, all'inizio l'hanno duramente osteggiata, negando appoggio a Oscar Romero.. ma Woytila stesso l'ha poi rivalutata definendo il suo ruolo «buono, utile e necessario» per la giustizia nel mondo, al punto di assumere, nel suo magistero sociale "la tematica della liberazione come COMPITO della Chiesa del nostro tempo" (Centesimus annus).
Dopodiché arriva questo Ratzinger e paf, come al solito un passo avanti e due indietro.. solo che questa volta, dietro, c'è pronto un burrone... ma vale la pena di festeggiare? Vale la pena ignorare la vera vitalità espressa da questa religione, che preme sempre più decisa dalla base, mentre ai vertici resiste il clericalismo retrivo?
La Chiesa è una potente istituzione, e proprio per questo sarebbe ora che fosse messa in mano a forze ecumeniche e collaborative, in grado di farne buon uso per la Pace e per il bene di tutti.
Bisognerebbe guardare al fatto che per la prima volta la sua base è formata da forze che la potrebbero rinnovare, e SOSTENERLA perché prevalga. Così come è vitale, oggi, SOSTENERE le spinte pacifiste e moderate in seno al mondo mussulmano, una cosa essenziale perché prevalga la convivenza contro la visione guerrafondaia che sostiene l'islamo-terrorismo.
Ma questo non avverrà mai se gli alleati naturali abbandonano queste forze facendo di tutt'erba un fascio, e in questo caso invocando la rovina della Chiesa.
Perciò ricordate un detto che vi è caro, Savonarola laici: "la strada per l'Inferno è lastricata di buone intenzioni".
E' una verità che vale per tutti.



E comunque, devo dire che mi trovo in tutto e per tutto d'accordo con questo post di Travaglio, che qui spiega perché "difende il crocefisso".

martedì 6 aprile 2010

NEVER take your freedoms for granted

Anche in Italia PROPOSTA DI LEGGE CHE VIETA IL BURKA NEI LOCALI PUBBLICI
Il Pd presenta alla Camera una proposta di legge che regolamenta la liceità del burka. E io dico: aspettiamo di vederla; ma nel frattempo mi solleva che finalmente ci si decida ad affrontare il problema, spero con l'intento di de/ideologicizzarlo davvero.


Specialmente dopo che un blog che per varie ragioni apprezzo ha recentemente pubblicato un post che mi ha lasciato interdetta, il quale riportava una notizia di segno contrario e - ammettiamolo - di difficile interpretazione...
Ma se non si fa chiarezza non stupisce che molti siano indetti a pensare che "la sinistra difenda il burka".
D'altronde, poco prima, proprio lo stesso blog informava di una notizia che riconosceva proprio al Pd un'iniziativa di forte spirito critico verso il terrificante velo integrale, sorretta da argomenti tutt'altro che ideologici, ma che piuttosto definirei di empatia: post veramente interessante a cui vi rimando.

E a proposito.. segnalo a tutte l'appuntamento dell'8 aprile a Firenze:

E già che ci siamo, segnalo anche un mio personale parere, su quel particolare tipo di opinionisti che sono gli stilisti:

domenica 4 aprile 2010

Massimo Fini, noi, le parole di Veritas sulle donne, il maschio medio, l'Amore e l'eterno popolo bue


Secondo me Massimo Fini è una persona intelligente e, in quanto ad analisi, anche onesto.
Ma - che condividiamo o meno la sua interpretazione della realtà, è la FRAGILITA' che dimostra, che lascia noi donne-non-ideologiche deluse e smaccate. Perché nn solo le donne, si sa, ma tutti gli umani intelligenti, amano misurarsi con chi, un pochino, sa tenere testa al mondo. Nessuno che abbia spirito si innamora facilmente di un essere bolso e supino; né di esseri timorosi, e tanto meno di gente rancorosa perché vile (francamente, non esiste categoria meno sexy). E invece, guarda un po', il peccato originale all'origine della misoginia è appunto la PAURA della donna - non certo il "disprezzo".. quello ne è solo la patetica maschera che -se possibile- peggiora le cose.
E (così come l'Umanità Bianca è macchiata da imbarazzanti velleità superioristiche sugli altri colori..) da questa paura l'Umanità Maschia intera è afflitta dall'antichità in modo imbarazzante. Incontestabile verità su cui nn perdiamo tempo.. rimando alla "Storia delle donne" di Georges Duby, in primis al I° libro (sull'antichità greco-romana). Incantevole opera che mi ha rivelato quanto fossero intrisi di ingannevoli balle i miei 5 anni di Liceo Classico.
Tornando a noi: nel suo deludente e serissimo articolo, Fini dice alcune cose giuste, con ingenua acredine che stupisce. Massimo, hai scoperto la "diversità"?.. ben arrivato! SE (e sottolineo SE) si è diversi, è evidente che qualcuno avrà dalla Natura privilegi da un lato, e qualcuno dall'altro, mica tutti da una parte, come ha sempre starnazzato il Maschio. E dov'è l'ingiustizia?
Ed è vero che ALCUNE consuetudini nella gestione della legge, in alcuni angoli di mondo avanzato, favoriscono (per ora) statisticamente e inadeguatamente le donne.. Massimo, hai scoperto che la disparità sociale può far male? ben arrivato! salvo sorvolare sul fatto che tale disparità "a favore della donna" pesa nel mondo come una piuma confronto al suo contrario.
Quel che dispiace e stupisce è che, come il maschio meno attrezzato, adombrandosi Massimo stigmatizza TUTTI i difetti della "donna infima" a titolo assoluto del genere femminile; come un bambino che pesta i piedi irragionevole, appunto.
Scivolando così su un finale da omicciòlo.. ma soprattutto che sembra sprovveduto, perché non tiene conto delle conseguenze che affermazioni simili possono avere: "e quindi totalmente inaffidabile. Per questo, per secoli o millenni, l’uomo ha cercato di irreggimentarla, di circoscriverla, di limitarla, perché nessuna società regolata può basarsi sul caso femminile".
Ciò che davvero delude non è l'affiorare di questo terrore maschile, ma veder CONCORDARE con le sue conclusioni più banali.
ESATTAMENTE il pensiero su cui si basò, all'origine, la concezione del Diritto Greco-Romano. ESATTAMENTE la paura che sant'Agostino travestiva da "diavolo". ESATTAMENTE le testuali parole con cui l'Islam primitivo che oggi infuria propugna la NECESSITA' di schiacciare la donna.
E conclude: "ma adesso che si sono finalmente 'liberate' sono diventate davvero insopportabili".
E qui ...la tua analisi fa acqua, la paura ti fa perdere la lucidità che apprezzavamo in te. Non ci siamo liberate neanche un po', purtroppo, e tantomeno voi. Inutile ricordarti che, a tutte le latitudini, la PRIMA causa di morte della femmina umana è da sempre il maschio, superata nel 2010
solo dall'AIDS (altro effetto collegato).
Certo (anche se solo in Occidente) diritti un tempo inimmaginabili sono (in parte) faticosamente raggiunti.. e come sempre quando un soggetto può esprimersi, emergono anche gli stronzi al suo interno.. anzi, date le difficoltà di cui è seminata la strada, magari son proprio quelli che emergono per primi e in modo più appariscente.. cosa dici, c'è qualcosa di strano? o forse, avendo qualche modo di esprimersi, dalle donne ci si aspetta che lo facciano solo da Sante? Ma dai.
Massimo, a te e a tutti quelli che cadono in queste tentazioni dico: dai, non litighiamo.
Da questi cortocircuiti NESSUNO ha niente da guadagnare, salvo il Tiranno.
A te, e a tutti quelli come te, ricordo che "liberarsi" fa bene ad entrambi.
Io vorrei dirti: previa doverosa riflessione sulle cose vere, dismetti rancori stupidi e SCUSATI, per favore.. la tua replica semina solo nuova zizzania, proprio quello che rimproveri alle "donne" di fare. Davvero non vedi la contraddizione?

sabato 3 aprile 2010

L'Amore in ogni senso, le delusioni e le pulizie di Pasqua

Dato che domani è Pasqua approfitto della simbologia per fare - a chi avrà voglia di accettarlo - quello che considero un regalino; perché ogni giornata che simboleggia un rinnovamento è buona per avviare qualche cambiamento nella propria vita.
Ora.. io sono fra quelli che pensano che se si vuole stare bene non si devono attendere eventi "fortunati", e le ispirazioni non vanno cercate sempre fuori di noi, ma anche e soprattutto dentro di noi.
Conoscere cose nuove e anche semplici esercizi può aiutare; è per questo che oggi posto (per chi non li conosce) alcuni video che son già stati utili a qualcuno.
Il primo è un semplice "rito" del mattino, basato su un sintetico automassaggio su particolari punti di agopuntura: senza ginnastica e senza fatica. Vorreste far qualcosa per sentirvi meno sfatti ma avete poco tempo, e siete pigri? allora forse questo esercizio fa per voi:

Non vedete ragioni per non sentirvi pessimisti o depressi? (ragioni personali, ma anche politiche.. vedi recenti elezioni).
Se proprio non riuscite e trovarne magari potete guardare quelle che vi propongo qui:

Ok, conosco la prima obiezione: "se fosse così semplice!".
Ma in effetti potrebbe essere più semplice di quel che abbiamo creduto fin qui, a patto di sospendere il giudizio il tempo necessario per provare a essere aperti.
Questa è stata la mia esperienza e desidero condividerla perché ne ho tratto la convinzione che iniziare a pensare "diversamente" cambia velocemente la nostra vita e può cambiare DAVVERO anche il mondo intorno a noi.
Buona Pasqua! a chi è d'accordo e a chi no, a chi non sarebbe d'accordo ma magari cambia idea.

MA NON HO FINITO.
Se PER CASO non credete più che riuscirete a smettere di fumare, e non avete ancora provato questo.. vi consiglio vivamente di seguire le istruzioni anche del video, qui sotto - anche SE avete "già provato con il libro, ma non è servito a niente".
Cosa rischiate, in fondo? un'ora in tutto, senza contenuti terroristici, ma solo argomenti serenamente banali ma che eppure.. riescono a de/condizionare dalla certezza di "aver voglia" di fumare. Provare, e poi criticare!

E con ciò ho finito; sarei già felice se solo uno che passa di qua vorrà provare il PACCHETTO COMPLETO.